Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Stevia Rebaudiana è una pianta originaria del Sud America appartenente alla famiglia delle Asteraceae, si presenta con lunghe foglie verdi e piccoli fiori bianchi. E’ conosciuta principalmente per la sua capacità dolcificante a fronte di Zero Calorie!


E’ da preferire agli altri dolcificanti soprattutto perché è di origine naturale e non “prodotta chimicamente” e quindi in linea con la filosofia naturopatica.

Dolcifica mediamente 300 volte più dello zucchero. Ha inoltre altre proprietà salutari che scoprirete continuando a leggere.


I principi attivi contenuti nella pianta dello stevia sono:
• Stevioside
• Rebaudioside A
• Rebaudioside C
• Dulcoside A.
Le proprietà conosciute dello Stevia sono:
• Ipoglicemizzante o meglio regolatore in caso di Iperglicemia, infatti sembrerebbe avere una azione sulle cellule beta del pancreas che stimolare la produzione di Insulina nei casi di iperglicemia.
• Effetto Ipotensivo (dimostrato da uno studio del 2003 effettuato in doppio ceco sulla popolazione cinese. https://www.greenmedinfo.com/article/stevia-has-blood-pressure-lowering-effect-patients-mild-essential-hypertension )
• Ricca di Vitamine e minerali quali Manganese, Potassio, Zinco e Ferro (per i minerali) e Vitamina A e C
• Ricca di Flavonoidi (antiossidanti) utili in particolare per il benessere femminile nei periodi di Pre-Menopausa e di Menopausa, sembra agire positivamente nella regolazione ormonale femminile riducendone la sintomatologia. Non dimentichiamo inoltre che contrastando i radicali liberi rallenta l’invecchiamento cutaneo con benefici cutanei visibili.
• Risulta inoltre che sia in grado di mantenere sotto controllo il Colesterolo LDL (anche conosciuto come colesterolo cattivo) ed è quindi utile nei casi di Ipercolesterolemia e di conseguenza può aiutare nella prevenzione delle patologie cardiovascolari.
• Azione leggermente Lassativa
• Azione Digestiva, sembrerebbe che sia in grado di ridurre l’acidità gastrica
• Azione Antibatterica
• Non provoca Carie Dentale in quanto privo di zuccheri, pertanto sostituendolo a quest’ultimi se ne riduce il rischio.

E’ semplicissimo anche coltivare le piantine di stevia utilizzandone così le sue foglie e le loro grandi proprietà. Tali foglie possono essere essiccate e tritate per utilizzarle come dolcificante, ma anche messe in infusione.
Commercialmente scegliamo la stevia che riporta come ingredienti il “Rebauside A” (è la più pregiata), infatti la gran parte dei prodotti in commercio riportano “glicosidi steviolici estratti dello stevia” ed in questi casi è facile che la quantità di Rebauside A sia molto ridotta se non quasi nulla.
Un modo per capire il quantitativo di Rebauside A contenuta è l’eventuale sapore di Liquirizia (infatti meno si sente e più è presente la Rebauside A).

Chiaramente lo stevia è controindicato nelle persone allergiche alla famiglia delle Asteracee, inoltre sulla base delle sue proprietà bisogna utilizzarla con attenzione nel caso si assumano terapie antipertensive o antidiabetiche (come sempre il Vostro medico curante è il fulcro principale del bilancio terapeutico tra farmaci e supporti naturali).
La Stevia risulta ammessa dall’ UE tramite il Regolamento N 1131/2011 dell’11 novembre 2011
(https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32011R1131&from=IT)
Le dosi giornaliere raccomandate (RDA) sono 4 mg per Kg/die di peso corporeo per gli adulti e 1,7 mg per Kg/die nei bambini.
La sigla indicata nelle etichette alimentari è E960

Cosa dice l’EFSA in merito alla sicurezza dei glicosidi steviolici?
(http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/ans100414)

Il gruppo di esperti scientifici dell’EFSA sugli additivi alimentari, il gruppo ANS, ha valutato la sicurezza dei glicosidi steviolici, ovvero di dolcificanti estratti dalle foglie di una pianta, e ha stabilito una dose giornaliera accettabile per il loro consumo che non comporti rischi per la salute. Gli esami tossicologici hanno evidenziato che le sostanze non sono genotossiche, né cancerogene, né collegate a effetti avversi sul sistema riproduttivo umano o nei bambini in fase di crescita.

Pin It

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna